Vado allo Zelig: Milano stiamo arrivando



Zelig, ci siamo quasi! Finalmente è arrivata la grande occasione che aspettavo: mandare a cagare – bene e senza offesa – anche i milanesi. Il 29 gennaio ho l’onore di portare in una location teatrale d’eccezione, lo storico Teatro Zelig Cabaret, la conferenza buffa “Chi è causa del suo mal pianga sul… “.

Spargete la voce, avvisate parenti, amici e nemici. È dimostrato che, dopo lo spettacolo, chi ha seriamente preso in considerazione i miei consigli, ha trovato le risposte che cercava su problemi come stitichezza, colite, pancia gonfia o mal di schiena. Scoprirete di ridere a crepapelle e allo stesso tempo di comprendere, attraverso l’ironia, quali sono gli errori più comunemente diffusi e perché sarà utile per tutti seguire quanto metterò in scena.

Insieme attraverseremo le sfere del bere, mangiare e respirare. Parleremo di sana e cattiva alimentazione, delle buone abitudini e di quelle sbagliate da cui dipende la reazione del nostro organismo ‘’che risponde sempre e solo nel miglior modo possibile, stante la situazione’’. Capiremo un po’ di più cosa significa fare una giusta colazione e perché si parla di intossicazione da latte. E poi, qual è la corretta posizione da assumere al bagno. Non preoccupatevi, l’ironia e lo sberleffo ci aiuteranno a non compromettere l’ottima reputazione che questo teatro ha costruito nei secoli.

In più, scusate se è poco, sul palcoscenico ci sarà anche mia moglie, Silvia Cappa, che con il suo pianoforte interpreterà alcune delle colonne sonore più conosciute riadattate ad hoc per questo spettacolo.

Pensate solo basterebbe che tutti questi preziosi e semplici consigli fossero spiegati al telegiornale, per abbattere di molto la spesa sanitaria nazionale. Ne riparliamo dopo due o tre mesi dalla data dello spettacolo.

Spero di vedervi tutti il 29 gennaio al Teatro Zelig di Milano, Viale Monza 140.

Auguro a tutti un buon Natale e un felice anno nuovo!

__________

Per ulteriori informazioni, potete chiamare il numero 0803968115

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *