Come e quando mangiare la banana

Come sbucciare la banana

E’ vero, la banana è tra gli alimenti più amati. Ma al mondo esistono più di mille varietà di banane e il numero di quelle prodotte in un anno è di ben 107 milioni di tonnellate. Cioè, in un anno ognuno di noi ne mangia in media 12 chili. Lo dice in un rapporto la FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite che si occupa di cibo e agricoltura mondiale), che mi ha fatto riflettere sui numeri.

68680af6-391a-4fce-bd1a-6772ad083b08-large

La banana non va intesa come un frutto comune: per esempio, avete mai fatto una spremuta di banana?

Più che un frutto, questo potrebbe essere considerato un carboidrato. Come sostengo da sempre, più importante dell’alimentazione è l’idratazione, per cui è fondamentale una dieta ricca di frutta e verdura cruda. La banana non rientra nella sfera dell’idratazione, ma in quella del mangiare: ecco perché non può essere compresa nelle cinque portate di frutta e verdura di cui abbiamo bisogno ogni giorno – così come stabilisce l’Organizzazione Mondiale della Sanità – ma, con la sua completezza, può essere considerata un pasto, se preceduta da frutta e verdura cruda.

Chi ha avuto la fortuna di mangiarla nei luoghi d’origine, dove la coltivazione non è industriale e a raccoglierla sono i contadini locali, può testimoniare che il suo sapore è completamente diverso da quello che conosciamo noi, che vengono raccolte acerbe e perdono così gran parte delle loro proprietà organolettiche.

Nonostante ciò, la banana resta un alimento ricco di amido, zuccheri, vitamina B1, B2, C, E, minerali (fosforo, magnesio, sodio, potassio, ferro, zinco) e tannini. Contiene anche triptofano, che l’organismo trasforma in serotonina, migliorando così anche l’umore.

 

Consigli Utili: come sbucciare la banana

Ricordatevi di non tagliare mai la buccia con il coltello perché si rischia di contaminare il frutto con tutto quello che si deposita al suo esterno. E se avete difficoltà a sbucciarla con le mani, guardate qui. Ecco un modo facile e veloce:

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *